Cucina, Piatti

Dalla prima volta che ho cucinato il persico

Filetto di persico all'arancia con frutta secca tostata

Quando vedo una bancarella del pesce impazzisco, inizio a osservare con accuratezza cosa offre il banco del pesce quel giorno come se fossi una di quelle ragazze perse nelle vetrine di scarpe e che prestano attenzione ad ogni particolare: colori, altezza del tacco, lacci, strass e cuciture. Tutto questo immaginando ricettine sfiziose e abbinamenti di differenti portate, passo momenti interminabili a guardare gli occhi di ogni pesciolino, la lucidità delle squame, la bellezza dei colori e delle forme di certi pesci come le triglie, gli scorfani, i pagelli o gli sgombri e così dopo un’interminabile mezz’ora finalmente mi decido e compro. E dire che quando ero una studentella delle superiori le uniche ricette di vera cucina in cui mi cimentavo erano i dolci.

Secondo voi cosa vi può far crescere a dismisura la passione per la cucina se siete una ragazzina di 19 anni, ai tempi dell’estate che precede il suo primo anno di università e se fino a quel momento avete cotto solo cotolette o surimi surgelati, preparato paste con tonno in scatola, uova all’occhio di bue con le sottilette e panini col prosciutto?

Ve lo dico io cosa ci vuole! Basta andare dalla cara zietta che abita fuori regione e stare da lei per un po’, circa una settimana/dieci giorni, questa poi vi preparerà i suoi manicaretti migliori, vi porterà con lei a fare la spesa, vi mostrerà quali sono i pesci più buoni davanti a un mare di pesci tutti differenti, ve li farà assaggiare e vi mostrerà quanto spesso sia semplicissimo preparare qualcosa di buono con materie prime che in vita respiravano con le branchie.

Una volta tornate a casa, nonostante abbiate passato tutta la vostra vita a mangiare quello che vostra madre vi preparava, salvo nei casi in cui avevate una fame da paura e lei era fuori casa oppure avevate un irrefrenabile desiderio di patatine fritte e pane con la maionese, inizierete a combinarne una per colore davanti ai fornelli ottenendo anche dei risultati discreti. Passerete ore a guardare il frigo pensando cosa inventarvi quel giorno e riempiendo il suddetto di piatti che si accavallano a quelli di vostra madre, perchè proprio non ce la fate a fermarvi e perchè avete ormai scoperto uno di quei passatempi che vi porterete dietro per tutto il resto della vita. Così inizierete a guardare con maniacale scrupolosità ogni pescheria che vi troverete di fronte mentre fate la spesa o semplicemente passeggiate per le strade di quello o quell’altro paese.

Poi arriveranno i ricettari o, a farla più moderna, le ricette dei foodblogger e dei portali di cucina, e così oltre a cercare di emulare i piatti di vostra zia inizierete anche con delle interessanti novità culinarie.

Tornando a bomba, nel mio caso c’è stato in effetti un ricettario di pesce che mi è stato utilissimo. Si trattava di uno di quei libricini che si possono acquistare in edicola. Questo in particolare era “Il pesce – 120 ricette facili e velocissime da realizzare” di Lisa Biondi, pieno di spunti interessanti soprattutto se non si riesce ad andare oltre al “sale, olio, prezzemolo e aglio, poi in forno, con un po’ di vino a metà cottura”.

Libro "il Pesce" di Lisa Biondi

Questo libricino mi ha insegnato quanto stesse bene la salvia con la trota e come si potesse tagliare a tranci un bel filettone di persico per marinarlo un po’ prima della cottura. Ed è proprio su quest’ultima preparazione che si basa la ricetta di oggi, eccola qui:

Persico all’arancia e frutta secca

  • 1kg di filetti di pesce persico
  • il succo di un’arancia
  • due cucchiai di mandorle a fettine sottili
  • un cucchiaio di pinoli
  • un cucchiaio d’olio evo
  • uno spicchio d’aglio
  • due prese di polvere d’arancia
  • sale q.b.

Tagliate a quadrotti i filetti di persico e a fettine lo spicchio d’aglio. Disponete il pesce sulla padella di cottura e versateci sopra un’emulsione preparata con il succo d’arancia e l’olio, salate e disponete le fettine d’aglio in superficie. Lasciate a marinare per quaranta minuti girandolo di tanto in tanto. Si dovranno vedere le carni del pesce leggermente sbiancate da ambo i lati.
Iniziate così a cuocere a fuoco lento e tenendo il tutto coperto, senza mai girare i quadrotti. Nel frattempo tostate le mandorle e i pinoli e quando vedete che il pesce è cotto anche in superficie allora scoperchiate e fate asciugare leggermente il sughetto che si è formato, dando una spolverata con la buccia d’arancia. Basteranno ancora circa dieci minuti.
Servite caldo con le mandorle e i pinoli distribuiti in superficie.

Previous Post Next Post

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply Omar 02/01/2013 at 00:17

    buono!

  • Rispondi a Omar Cancel Reply


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.     Maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi